Google posticipa l’abbandono dei Cookies


Commento

Sorpresa nel mondo della pubblicità online! Dopo aver annunciato l’abbandono dei cookie di terze parti su Chrome nel 2022, Google ha scelto di rinviare questa scadenza alla fine del 2023. Ci sono diverse ragioni per questo, ma i professionisti del settore sono sollevati di apprendere che avranno questo tempo extra. Diamo un’occhiata alla situazione nel dettaglio.

Cookie di terze parti: definizione

I cookie di terze parti sono tracciatori di pubblicità. 

Aiutano le aziende a indirizzare i loro annunci in modo efficace. Questi cookie di terze parti permettono agli inserzionisti di recuperare informazioni sul profilo degli utenti di Internet: la loro storia di navigazione, le loro preferenze, i loro clic. Sono generati automaticamente dal sito visitato. Così, gli annunci visualizzati sono personalizzati. 

Un ecosistema da riorganizzare 

Nonostante i progressi significativi, Google ritiene che le alternative ai cookie di terze parti non siano ancora perfezionate. Hanno bisogno di “più tempo per farlo bene”. È importante capire che le discussioni sui cookie di terze parti sono ancora in corso tra il gigante americano, le autorità, gli editori e gli inserzionisti.

Questo ritardo dovrebbe permettere di preparare meglio la transizione con l’aiuto di vari test. 

L’obiettivo dichiarato di Google è quello di proteggere meglio la privacy dei suoi utenti, pur permettendo agli inserzionisti e agli editori di continuare a generare entrate dalla pubblicità. Possiamo quindi capire l’importanza dell’impatto di un mondo senza cookie su quest’ultimo. 

Sul sito ufficiale di Privacy Sandbox, Google ha presentato il suo nuovo calendario. Questo dovrebbe permettere alle parti interessate di prepararsi. Alla fine del 2022, gli inserzionisti e gli editori avranno 9 mesi per aggiornare le loro pratiche. Dalla metà alla fine del 2023, inizierà l’eliminazione graduale del supporto di Chrome per i cookie di terze parti. 

Il Privacy Sandbox in questione

Annunciato un anno e mezzo fa, il Privacy Sandbox mira a consentire agli inserzionisti di raccogliere informazioni sugli utenti in un modo più rispettoso della privacy. Questa iniziativa è presentata come una “suite di API aperte” attraverso le quali i dati saranno memorizzati in Chrome e accessibili agli inserzionisti. 

Tuttavia, il Privacy Sandbox sta sollevando dubbi ovunque.

Un’indagine è stata aperta dal regolatore della concorrenza britannico, la Competition and Markets Authority (CMA). La CMA teme che questa iniziativa rafforzi il dominio di Google sul mercato della pubblicità online. Questo timore è condiviso dalla Commissione europea, che ha anche aperto un’indagine su possibili pratiche anticoncorrenziali nella visualizzazione delle pubblicità di Google. 

Alternative da inventare 

L’ecosistema deve quindi prepararsi a questo cambiamento, ma ora ha un po’ più di tempo. In assenza di cookie di terze parti, gli inserzionisti devono costruire una strategia basata su dati di prima parte. Da quando la questione del cookieless ha cominciato ad essere sollevata, questi dati sono stati riconosciuti come essenziali per lo sviluppo di alternative. 

Tuttavia, negli ultimi mesi, gli attori del mercato si sono resi conto della portata della sfida. Hanno due opzioni: trovare nuovi modi per raccogliere i dati degli utenti in un modo che rispetti le loro preferenze, o trovare le tecnologie giuste per unificare e attivare questi dati con il loro consenso. Sarà possibile trovare delle alternative valide se gli attori del mercato lavoreranno insieme. 

Le alternative avevano già cominciato ad emergere, ma questa tregua permette all’industria di riprendere fiato e mettere in atto strategie a lungo termine. È impossibile dire se questo è il calendario definitivo….vi terremo informati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *